Facebook We Love The 90'sTwitter We Love The 90'sInstagram We Love The 90'sMixcloud We Love The 90'sBooking We Love The 90'sChiama We Love The 90'sScrivi We Love The 90's                                        
 
Pasqua We Love The 90's - Guest Dj GIGI D'AGOSTINO
HOME
TOUR
GALLERY
ARTISTI
CHI SIAMO
PODCAST


Gli Eiffel 65 sono un gruppo musicale eurodance italiano nato nel 1998 negli studi della casa discografica torinese Bliss Corporation.
La formazione originale della band vede impegnati nel progetto il DJ Gabry Ponte (all'anagrafe Gabriele Ponte, di Torino), il musicista Maury (all'anagrafe Maurizio Lobina originario di Asti) ed il front-man nonché cantante Jeffrey Jey, alias Gianfranco Randone (originario di Lentini, in provincia di Siracusa). Il nome del gruppo è frutto della scelta casuale di un computer che individuò in un elenco di possibili nomi la parola "Eiffel", alla quale fu aggiunto per errore il numero 65 le cui cifre appartenevano a un numero telefonico scritto su una demotape. Dopo il distacco di Gabry Ponte e la parentesi con i Bloom 06 che causarono lo scioglimento del gruppo nel 2006, nell'agosto del 2010 Maury e Jeffrey sono tornati a ricostituire gli Eiffel 65, anche con Gabry Ponte, nonostante abbia solo recentemente creato una nuova propria etichetta discografica e annunciato impegni che lo vedranno alle prese con collaborazioni internazionali.

Gli inizi

I tre, che già avevano collaborato ad altri progetti interni alla loro casa discografica, per la quale lavoravano dai primi anni ’90, fondano il gruppo in questione nell'ambito della composizione di "Blue (Da Ba Dee)", canzone nella quale per loro stessa ammissione non nutrivano grandi speranze in termini di vendite. Il disco viene pubblicato ad ottobre del 1998, e senza "deludere le aspettative" non riscuote un particolare successo. Circa cinque mesi dopo il disco viene recuperato dall'emittente lombarda Discoradio, radio locale che trasmette in una vasta zona del nord Italia, specializzata nella trasmissione della musica Italodance. A questo punto scocca la scintilla, e "Blue" passa dall'anonimato alla fama nazionale e sull'onda del successo viene pubblicata anche al di fuori dei confini italiani (Regno Unito, Germania, Francia, Canada, Australia, Spagna, Svizzera, Austria, Danimarca, Russia, Svezia, Finlandia, Norvegia, Grecia, Belgio, Olanda, Irlanda e USA), approdando nelle varie classifiche e raggiungendone in molti casi la vetta. A questo primo singolo ormai entrato nella storia della musica moderna fa seguito a quasi un anno di distanza Move Your Body, anch'essa hit da dancefloor, e allo stesso tempo irraggiungibile nelle classifiche di vendita in molti paesi, composta da Domenico Capuano assieme al dj Roberto Molinaro, membri di casa Blissco. Il disco precederà l'uscita del primo album del gruppo, Europop (1999), un album pop. Arrivano a vendere con questo album più di 4 milioni di copie nel mondo di cui tre milioni solamente negli Stati Uniti (traguardo fino allora impensabile per un artista italiano), diventando così la band italiana di sempre ad essere riuscita a vendere più copie negli Usa. I tre chiudono il millennio con Too Much of Heaven, traccia estratta da Europop. Il brano affronta il tema del denaro in una società dove le cose materiali offuscano i valori dell'amore e dell'amicizia e il gruppo dimostra così di saper andare anche oltre la musica da discoteca. A questo punto per gli Eiffel inizia un tour mondiale che li porterà anche a Los Angeles. Durante questo periodo di promozione musicale (di circa un anno), il gruppo intanto continua a dedicarsi alla composizione di nuovi brani che andranno poi a costituire la track-list del secondo album: Contact! (2001). Il disco in questione, pur mantenendosi fedele al sound che la band aveva proposto fino a quel momento, si discosterà in parte dal primo album. Infatti, mentre Europop risentiva particolarmente delle influenze della dance del decennio corrente, il suono di "Contact!" trova le sue origini essenzialmente nelle melodie anni ottanta. A conferma di tutto ciò nel disco svetta come ultima traccia 80’s Stars, brano che riprende il ritornello di Centro di gravità permanente di Franco Battiato accompagnato da una tastiera elettronica che riproduce alla perfezione una melodia tipica degli anni Ottanta. Questa traccia è presente solamente nella versione italiana dell'album. Per l'estero il disco presenta come ultimo brano World in the World. Da questo secondo album verranno tratti i singoli One Goal, Back in Time, Lucky (in My Life) ed 80’s Stars. Verrà inoltre pubblicata su vinile Losing You, per il solo mercato canadese. Nel 2002 esce il singolo Cosa resterà (In a Song), che riprende in parte la linea melodica di Now Is Forever, canzone contenuta in "Europop", e che conferma la scelta di adottare nel cantato l'italiano alternato all'inglese come già è avvenuto per 80’s Stars. Segue una pausa di parecchi mesi, dove il gruppo rimane assente dalle scene musicali.

Dopo la pausa

Nel 2003 ormai iniziato gli Eiffel 65 tornano sulla scena partecipando al Festival di Sanremo. Il 5 marzo di quell'anno debuttano al teatro Ariston con Quelli che non hanno età in un ambiente totalmente estraneo all'elettronica e ai bpm da discoteca. Seppur criticati e snobbati dalla giuria e dai media saranno proprio loro a salvare l'audience della trasmissione che raggiungerà durante la loro esibizione il picco massimo di ascolti[4]. I tre si classificano al 15º posto su un totale di venti artisti. Un risultato mediocre per un gruppo che sino ad allora aveva venduto quasi 15 milioni di dischi nel mondo. A premiare l'audacia del gruppo tuttavia saranno le vendite: il disco risulterà primo su tutti i brani presentati alla manifestazione canora.

Il terzo album

In concomitanza con il Festival di Sanremo, esce il terzo album della band piemontese intitolato semplicemente Eiffel 65 (2003). In questo disco la dance occupa una posizione marginale a vantaggio di brani più lenti che tendono al pop. Ciò che distingue il disco dagli album precedenti è inoltre l'uso esclusivo della lingua italiana nei testi salvo poche eccezioni. Il 16 maggio 2003 esce Viaggia insieme a me, ninna-nanna elettronica, che qualche mese dopo viene remixata da Roberto Molinaro in chiave Dance. In inverno, sempre Roberto Molinaro remixa una canzone pop contenuta nell'album, cioè Una notte e forse mai più, e poco prima dell'estate esce Voglia di Dance All Night. Nel 2004 viene realizzata una versione di "Eiffel 65" destinata al mercato estero. Il disco invece verrà pubblicato solamente in Italia probabilmente perché giudicato non adatto al mercato straniero. Oltre alle tracce già presenti nella prima edizione dell'album sarà presente un brano completamente strumentale, Living in My City, composto nel 2003 su commissione della fondazione Atrium nell'ambito di un progetto per la riqualificazione di alcune aree di Torino in vista delle olimpiadi invernali del 2006 che si sono svolte nel capoluogo piemontese. In estate esce la loro ultima canzone, Tu credi remixata da Roberto Molinaro e dal tastierista Maury, contenuta nel singolo di Voglia di Dance All Night. Dopo la fine dell'estate, gli Eiffel decidono di prendersi una pausa dopo anni di lavoro.

L'uscita di Gabry Ponte dal gruppo

L'8 marzo 2005 Gabry Ponte, impegnato fin dal 2001 in un progetto solista parallelo a quello del gruppo, in comune accordo con la band, esce dal progetto per l'impossibilità di coniugare il suo impegno con quello degli Eiffel 65 e per via del loro annunciato cambiamento di sonorità.

La fine del gruppo

Il 16 maggio 2006 il duo decide di lasciare dopo 14 anni la casa discografica torinese che li ha visti crescere artisticamente, la Bliss Corporation e di cambiare nome alla band in Bloom 06, alla quale è dedicato il loro sito personale

Re-union degli Eiffel 65

Il 17 giugno 2010, Maury e Jeffrey hanno pubblicato un comunicato ufficiale sul blog dei Bloom 06 dove annunciano che gli Eiffel 65, anche con Gabry Ponte, si riuniranno ed inizieranno a lavorare a un quarto album ed a un successivo tour. Ciò che ha fatto riflettere i Bloom 06 a fare un passo indietro è stato l'interesse da parte di alcuni artisti americani di riprendere alcuni frammenti delle loro canzoni per le loro nuove produzioni, una su tutte quella del rapper Flo Rida che aveva chiesto al duo il ritornello di “Blue” per il suo singolo “Sugar”, singolo di lancio di un attesissimo album da classifiche mondiali. L'enorme presenza di suoni dance europei in tutto il pop mainstream che sta letteralmente esplodendo in tutto il mondo ha reso inevitabile l'affluire di richieste da diverse parti per un ritorno degli Eiffel 65, che sono considerati in diversi ambienti come precursori e maggiori esponenti in materia.

Il quarto album e il New Planet tour

Dal 2010 gli Eiffel 65 stanno lavorando alla produzione del loro quarto album di studio quasi arrivata alla fine, nel frattempo prosegue il loro nuovo Tour denominato "New Planet".  
NEWSLETTER
Iscriviti adesso per essere sempre aggiornato sulle serate WeLovethe90's
Nome*
Telefono*
E-mail*
Accetta "privacy"

We Love The 90's - Episode 174 by Datura

@wl90s